A Tenerife in 500

pubblicato in: spagna, Viaggi | 0

No non abbiamo fatto un gruppo per riempire un aereo ed andare tutti insieme alle Canarie a goderci il caldo. Non siamo i tipi.

Però alle Canarie ci siamo andati. Siamo stati a Tenerife a goderci una settimana di relax e per muoverci sull’isola non abbiamo resistito al fascino di una Fiat 500 nuovo modello bianca. Vuoi mettere lo stile di essere italiani e scarrozzare in lungo ed in largo su una Fiat 500? Dai non si riesce a resistere. Ed infatti non lo abbiamo fatto.

Questa prima settimana di vacanza abbiamo tradito il nostro fedele Wesfino. Al suo posto abbiamo noleggiato una Fiat 500 bianca con cui siamo riusciti a fare la bellezza di 1200 chilometri su un isola che non arriva a 350 chilometri di costa in totale!

Come potete immaginare dai chilometri percorsi la abbiamo girata in lungo ed in largo e la abbiamo attraversata al centro per ben due volte. Soprattutto il passaggio in centro, percorrendo la meravigliosa TF-21, vi fa passare in mezzo al cratere e vi fa godere di splendidi paesaggi ed impareggiabili tramonti. Se lo farete passerete in mezzo a colate laviche e camminate che valgono veramente la pena di essere percorse.

Teide tramonto

Ne vogliamo parlare? Bi consiglio di portarvi una bottiglietta di Cava e due bicchieri e godervi questo spettacolo della natura. Dalla costa si è su in meno di un ora ed il Cava non dovrebbe farsi troppo caldo. Una romanticheria ineguagliabile. E siete con i vostri migliori amici birra o Cuba Libre e via a far festa!

 

E le coste? Vogliamo parlare delle coste?

Non ero mai stato a contatto con l’oceano aperto su un isola vulcanica. Mai avevo visto dal vivo la potenza di un oceano lanciare le sue onde su scogliere nere come lava. Non mi era mai capitato di vedere schizzi di mare alzarsi alti nel cielo come un hotel. Il rumore delle onde forte come un tuono e quella continua risacca che mette paura anche se vista da vari metri di distanza. Sono onde che facilmente raggiungo i 2 o 3 metri di altezza e vederle arrivare di continuo sulle scogliere è decisamente affascinante.

Tenerife-4

 

 

Devo ammettere che abbiamo fatto poco per preparare questo viaggio, ci siamo dedicati al relax puro e duro senza mete ne pensieri. Abbiamo lasciato tutto al caso e col senno di poi non me ne pento per niente. Forse è stato proprio questo non avere piani ed andare dove ti porta il cuore ad averci fatto gustare queste isole. Per quanto riguarda Tenerife la macchina ci ha permesso di girare tutti quegli angoletti che meritano di essere visti. Non abbiamo dimenticato il nostro camper ne tantomeno voi ed abbiamo raccolto vari posti dove è permessa la sosta e dove sicuramente ne vale la pena. Noi torneremo in camper di sicuro.

Per esempio vicino ai fari quasi sempre c’è uno spiazzo dove abbiamo visto camper parcheggiati per la notte. Ora parliamone. Già le isole di loro sono splendide, per lo meno Tenerife e La Palma da noi visitate. Poi andarci in camper ti rende veramente libero di visitare le Canarie e non una isole dell’arcipelago. E poi dormire in libera vicino al faro sentendo la potenza dell’oceano come sottofondo merita davvero. Vi assicuro che meria davvero.

Tenerife-3 Tenerife-faro

Il secondo faro col pescatore sta vicino ad un area di sosta che abbiamo immortalato con tanto di T4 parcheggiato in libera.

Tenerife sosta camper faro Tenerife sosta camper faro

 

 

E questo è solo un primo assaggio di quegli splendidi giorni che abbiamo passato su queste isole. Appena abbiamo tempo prepareremo delle infografiche per riassumere le aree di sosta camper che abbiamo trovato noi, sperando un giorno di riuscire anche a provarle di persona.

 

Grazie per aver letto.

 

The following two tabs change content below.

Emanuele Peretti

"Ma i tuoi occhi non si fermano mai!" mi disse un giorno una ragazzina mentre in scooter giravamo per Palma de Maiorca. Quella ragazzina è ora madre di due bimbi ed ancora mi segue. I miei occhi non si sono ancora fermati. Con questo blog vorrei fermare tutti i pensieri che accompagnano i miei viaggi e la mia vita per poterli rileggere quando un giorno sarò obbligato a stare fermo.

Lascia una risposta