America on the road – Texas, San Antonio e la River Walk

San Antonio a meno di 150 miglia dal Messico ospita la famosa River Walk e l’Alamo, una missione molto attiva in passato che ha aiutato tutta la regione a svilupparsi. Per visitarla è sufficiente andare in centro da dove tutto parte, l’Alamo sarà sulla vostra destra, la River Walk inizierà sulla vostra sinistra e se anche voi avete la Lonely Planet allora probabilmente camminerete dritto lungo la strada che parte di fronte a voi fino a raggiungere Rosario’s il miglior ristorante messicano della città.

La River Walk

Nel 1920 San Antonio venne colpita da una forte inondazione dove morirono diverse persone. Un architetto locale decise di preparare un progetto per aiutare la città risolvere definitivamente questo problema. Il progetto prevedeva una diga a nord ed una diga a sud collegata da un canale che passava proprio in mezzo alla città. In questo modo avrebbe controllato il flusso di acqua e dal momento che il canale sarebbe passato proprio in mezzo alla città disegnò anche ristoranti, bar ed attività commerciali. Dopo un paio d’anni propose il progetto al sindaco e questi lo aiutò a trovare i finanziamenti necessari alla sua realizzazione. Le cose andarono bene finché il sindaco morì. Il suo sostituto non era della stessa pasta e fece pressioni per far assumere un parente a capo del progetto togliendo lo stipendio all’architetto stesso. Questi ovviamente si ribellò ed il sindaco fece leva sulla credenza popolare che l’intero progetto non fosse altro che una “trappola per topi” per licenziare l’architetto e mettere il parente a capo del progetto, da notare che il suo parente non aveva alcun studio di ingegneria ne di architettura.

L’architetto non si diede per vinto e mentre di giorno lavorava ad altri progetti la sera si incontrava con il capo degli ingegneri per aiutarlo a proseguire con i lavori; questi infatti terminarono e dopo alcuni anni una seconda grande inondazione fece da test. L’intero progetto si rivelò un successo total e l’architetto poté tornare al suo posto dando all’intera faccenda un lieto fine. Trenta anni erano passati e finalmente il canale iniziava a trasformarsi in quella camminata splendida che possiamo vedere oggi.

Alamo

La missione è tutt’oggi visitabile. Non aspettatevi i nostri monasteri ne tantomeno i monasteri fortificati spagnoli. Questa missione è una chiesa molto modesta con all’interno un reticolo di edifici che davano alla città l’organizzazione  necessaria per svilupparsi. Teneva lontano i predoni messicani e faceva da base per le truppe dell’esercito. In molti passarono di qui a dare una mano come potevano. In seguito divenne la base per la rivoluzione texana. Questa missione francescana ha una ricca storia da raccontare e potrebbe essere interessante per chi come noi oltre alla natura cerca sempre qualche dettaglio del passato.

Creative Commons: Stuart Seeger

Rosario’s

Noi siamo andati a goderci delle tortillas messicane con pimientos ed un bel margarina shakerato. Come dicevo prima questo locale lo abbiamo trovato sulla nostra Lonely Planet che per le mondanità ha pochi rivali. Due adulti e due bambini, due menu piccoli per loro e due menu grandi per noi, due margarina, due bibite ed una acqua ci son costate poco più di 40$, la qualità eccellente ed il pasto merita la piccola camminata necessaria per arrivarci.

Conclusioni.

Seppur modesta nelle dimensioni San Antonio ha molto da offrire. Alamo e River Walk si fanno tranquillamente in un giorno ma se dovessi tornare ne dedicherei due dormendo in uno degli hotel sulla camminata stessa.

The following two tabs change content below.

Emanuele Peretti

"Ma i tuoi occhi non si fermano mai!" mi disse un giorno una ragazzina mentre in scooter giravamo per Palma de Maiorca. Quella ragazzina è ora madre di due bimbi ed ancora mi segue. I miei occhi non si sono ancora fermati. Con questo blog vorrei fermare tutti i pensieri che accompagnano i miei viaggi e la mia vita per poterli rileggere quando un giorno sarò obbligato a stare fermo.

Lascia una risposta