America on the road – Yellowstone National Park

Lo Yellowstone National Park viene chiamato il Serengeti del Nord America. E’ il primo parco nazionale creato al mondo, venne dichiarato tale nel 1872. Noi abbiamo avuto la fortuna ed il piacere di poter campeggiare al suo interno per 6 indimenticabili giorni.

 

Yellowstone National Park

Il parco si trova nello stato del Wyoming, nella parte nord degli USA. Ha un ingresso anche dal vicino Montana a nord e sconfina nell’Idaho ad ovest. Questo parco era in cima alla mia lista delle cose da vedere insieme alle Route 66 e fortunatamente siamo riusciti a campeggiare al suo interno per 6 giorni col nostro camper.

Il Parco Nazionale dello Yellowstone e’ una riserva faunistica importantissima. Grazie alle sue enormi dimensioni si possono trovare al suo interno tantissimi animali. Le dimensioni vi faranno pianificare attentamente il campeggio da prendere perché guidare da nord a sud può richiedere anche una mezza giornata per via delle code che si possono creare quando due bufali decidono di camminare sulla strada.

Ricordate sempre che allo Yellostone National Park gli animali hanno la precedenza sugli uomini, non il contrario come siamo abituati a vivere.

Ma non e’ solo la fauna a rendere questo parco tra i più visitati al mondo. Il parco nazionale dello Yellowstone deve il suo nove alla importante attività geotermica che si trova al suo interno. In realtà si parla di una caldera di un super vulcano dal diametro di 75Km per 55Km. Bello grosso no?

Questa è la vista della parte sud dello Yellowstone.

 

Come potete vedere dalla mappa in alto la viabilità all’interno dello Yellowstone e’ data da una strada a forma di 8 chiamata Grand Loop, sono 200Km percorribili ad una media di 60Km/h quindi fatevi bene i conti quando scegliete cosa vedere. Sul tempo necessario ad una visita ne parlo a fine articolo.

Riassumendo abbiamo una fauna importantissima, abbiamo attività geotermica che crea paesaggi e geiser alti fino a 40 metri e per finire abbiamo al suo interno camminate per ogni livello di difficoltà. Dalla camminata di un ora in piano fino alla camminata tra valli e su per monti che prendono fino a 5 giorni per essere completate.

 

La fauna allo Yellowstone

Il nostro viaggio in USA in camper mi ha fatto scoprire una profonda passione per la fauna. Nei 6 giorni che abbiamo passato al suo interno abbiamo potuto vedere una grande quantità di animali. Durante una camminata abbiamo visto un orso bruno fare una nuotata in un laghetto formato dai castori, abbiamo visto un orso grizzly rilassarsi tra i cespugli e 50 metri dalla strada, vari altri orsi godersi le giornate durante la loro costante ricerca di cibo, cervi, daini, ho avuto l’onore ed il privilegio di inseguire un branco di lupi a caccia di cervi nella Lamar Valley e vedere coi miei occhi la loro grandissima capacita’ di coordinazione. Abbiamo visto ben due aquile di mare, le famose Bald Eagle simbolo di questa terra ed abbiamo avuto tantissimi incontri con i Bufali.

Nella parte nord est c’e’ la Lamar Valley e qui si possono incontrare branchi di bisonti al pascolo. State attenti perché anche se sembrano goffi possono correre fino a 50Km/h e saltare 1,8m, si un’altezza che mai verrebbe da pensare data la loro stazza.

Nella parte centrale ad est c’e’ la Heyden Valley dove potete incontrare cervi ed i lupi. Queste indicazioni sono variabili come potete immaginare, lo Yellowstone non e’ uno zoo per cui gli animali al suo interno sono liberi di muoversi. Chiedete sempre ai Ranger dove andare a vedere qualche animale che volete vedere e sicuramente loro vi sapranno aiutare con informazioni fresche.

 

Attività geotermica allo Yellowstone

Come scritto sopra lo Yellowstone e’ un parco sopra un super vulcano. Nella parte nord ovest ci sono le Mammoth Hot Springs. Personalmente tutta l’attività geotermica e vulcanica la trovo emozionante al mattino. Immaginatevi un terreno che alterna una fitta vegetazione a distese di pozze fumanti e coloratissime. Gia’ cosi’ il paesaggio attrae masse di visitatori ma se ci andate al mattino potete sostituire la massa di visitatori con la nebbiolina che lascia la notte. In questo momento il paesaggio si fa magico e si apprezzano le innumerevoli caldere che durante il giorno non si vedono. Avrete di fronte a voi delle vallette con dozzine di pozzi fumanti, la maggior parte dei quali non hanno un cammino che gli passa vicino. Si stimano oltre 10.000 attività geotermiche attive per cui al mattino presto potrete trovarvi in un paesaggio che ricorderà il film Jurassic Park.

Oltre alle fumarole potrete visitare piscine di acqua calda ed i famosi geiser. Alcuni di questi sono totalmente prevedibili ed il più famoso e’ sicuramente l’Old Fashion Geiser, un geiser alto oltre 30 metri che erutta ogni ora e mezza circa. Non potete andare allo Yellowstone e perdervi questo spettacolo. Da li noi abbiamo fatto una passeggiata facile che in qualche ora ci ha fatto godere altre eruzioni, fumarole, piscine super colorate e varie altre formazioni geotermiche.

 

Camping allo Yellowstone

Ci sono vari campeggi in giro per il parco. Se pensate di visitare questo parco per più giorni io valuterei di prendere due campeggi. Uno a nord mentre visitate la Lamar Valley e le Mammoth Hot Spring e poi uno a sud per la geiser valley con tutta la sua splendida e coloratissima attività geotermica.

 

Sui vari siti web leggerete che i campeggi vanno prenotati con largo anticipo, e’ vero ma non e’ obbligatorio. Noi abbiamo trovato posto per 5 notti senza mai aver prenotato. Alcuni campeggi hanno dei posti non prenotatili riservati alla formula First Come First Served quindi presentatevi al mattino verso le 8 per chiedere se c’e’ qualcuno che va via. Normalmente chi lascia il posto lo fa entro le 9 ma alle 7 il gestore del campeggio gia vi sa dire se ci sono posti disponibili.

I prezzi del campeggio dentro lo Yellowstone sono incredibili, noi abbiamo speso 15$ a notte (incredibile per essere dentro al più famoso parco nazionale del pianeta!) e piano piano si sale fino a 30$ a notte.

 

Quanto tempo serve per visitare lo Yellowstone?

Questa e’ una domanda da 1 milione di dollari la cui risposta e’ la più usata nel mondo. Dipende.

Cosa siete interessati a visitare al Parco Nazionale dello Yellowstone? Se volete fare wildlife watching sicuramente non basta un giorno. Guidare al suo interno per un intero giorno vuol sicuramente dire incontrare qualche animale, visitare lo Yellowstone e non vedere i Bisonti vuol semplicemente dire che avete tenuto gli occhi chiusi tutto il tempo. Ce ne sono a migliaia al suo interno e sono veramente ovunque. Se cercate le Mountain Goat dovrete andare nella parte ovest e fermarvi qualche ora. Per i lupi invece la Heyden Valley e’ la piu’ indicata ma anche la Lamar ed ovviamente non basta qualche ora. Gli orsi si vedono ovunque ma non frequentemente come i Bisonti.

Alle Mammoth Hot Springs vedrete sicuramente i cervi, i bisonti molto probabilmente e le bald eagle con un po’ di fortuna.

La regola generale e’ sempre la stessa, gli animali si vedono al mattino ed alla sera quindi vi servirà trascorrere al suo interno una notte.

 

Se siete interessati alla attività geotermica serve un giorno altrimenti si rischia semplicemente di guidare 4 ore per vedere uno spettacolo naturale da 5 minuti. Pensate davvero che abbia senso anche se in molti vi diranno che non potete perderlo? Io investirei queste 4 ore per fare qualcosa di molto meglio, e ricordate che sto parlando del parco nazionale che ho nella top 3 da sempre e che dopo aver visitato per 6 interi giorni e’ rimasto li nella top 3 (gli altri due sono il Serengeti ed il pic d’Europa).

Orso grizzly a 100 metri dalla strada.

 

Se volete conoscere superficialmente il parco allora io inizierei a pensare almeno a 3 giorni e 2 notti. Una al nord ed una al sud con in mezzo almeno due attività gratuite dei ranger (ce ne sono a dozzine). Se vi piace camminare potrete scegliere un hike nel backcountry in tenda e campeggio libero da 2 o 3 giorni per cui mettendo tutto insieme stiamo parlando di un parco che può essere visitato tranquillamente in 10 giorni senza mai annoiarsi o non sapere cosa fare.

Se ci siete stati ed avete notato che ho dimenticato qualcosa fatemelo sapere e sarò ben disponibile a modificare questo post per renderlo migliore.

The following two tabs change content below.

Emanuele Peretti

"Ma i tuoi occhi non si fermano mai!" mi disse un giorno una ragazzina mentre in scooter giravamo per Palma de Maiorca. Quella ragazzina è ora madre di due bimbi ed ancora mi segue. I miei occhi non si sono ancora fermati. Con questo blog vorrei fermare tutti i pensieri che accompagnano i miei viaggi e la mia vita per poterli rileggere quando un giorno sarò obbligato a stare fermo.

Lascia una risposta