#Camperiamo_al_femminile: Riscoprendo le biblioteche

In un giorno di stress abbiamo ri-scoperto le biblioteche. 

per blog

Avevamo bisogno urgente di una wi-fi libera e potente per utilizzare Skipper chiamare in Europa. Eravamo in un posto abbastanza sperduto senza i soliti fast food che condividono la wi-fi. Pensando e ripensando mi sono venuti in mente i nostri amici Pier e Amelie di Orme sul Mondo. Loro, vivendo da full-times e low cost, cosa fanno? Usano le biblioteche.
Così abbiamo cercato la biblioteca del paese di pescatori in cui ci trovavamo e parcheggiati davanti, abbiamo sfruttato la loro connessione. Dopo aver fatto varie telefonate e sbattimenti con i figli che ronzavano intorno nel parcheggio, una signorina della biblioteca, uscendo, ci avvisa che all’interno esiste uno spazio dedicato ai bambini.
Le nostre due bestioline capiscono in qualche modo cosa ci sta dicendo e tutti eccitati ci chiedono di entrare. 
Quando entriamo, chi ci riceve ci indica una stanza chiusa, con porta a vetri tutta per loro. All’interno libri, giochi, lego, tappeti, puff e computers … I bimbi si sono messi a giocare, gridare, leggere e riposare mentre noi in tranquillità siamo riusciti a scrivere post, programmare il viaggio, caricare video e foto e parlare con l’Europa.
Da questa bellissima esperienza ci siamo quasi imposti di passare un giorno a settimana in queste fantastiche biblioteche che offrono la “kids room” (stanza per i bambini) in modo da riuscir a prenderci del nostro tempo in tranquillità senza che i bambini si annoino.
Niente spesa, free wi-fi, niente tessera per entrare, free friendly (posto apposito per bambini) e se poi la giornata è piovosa la si trasforma in una giornata perfetta!!!

per blog-4

The following two tabs change content below.

La Elli

"Ma i tuoi occhi non si fermano mai!" dissi un giorno ad un ragazzo mentre in scooter giravamo per Palma de Maiorca. Quel ragazzo è ora padre di due bimbi ed ancora sono al suo fianco. In tutti questi anni ho imparato a viaggiare con occhi diversi. Grazie ai vari cambiamenti che abbiamo avuto e grazie anche ai nostri meravigliosi figli, vorrei poter passare la mia passione della scoperta di culture e lingue nuove, cibi e posti nuovi e trasmettere che in ogni nostro piccolo gesto quotidiano ho imparato a fare di ogni giorno una nuova avventura.

Lascia una risposta