Marca:Westfalia
Modello:Nugget
Motore:2.2 TDI
Meccanica:Ford Transit
Anno:2011-02
Km percorsi:16000  32000  35000 90000 140000 (23-09-2017)
Colore:Stranamente bianco, ma c’é tempo per quello ora non più bianco 🙂

 

 

Impressioni. Ci abbiamo vissuto dentro in 4 per 8 mesi in questo gioiello. Se ciò non bastasse qui troverete..

 

Ecco le nostre impressioni dopo 4 anni.

 

Ecco le nostre impressioni dopo 40ooo Km.

 

Ecco le nostre impressioni dopo 9 mesi.

 

Ecco le primissime impressioni dopo soli 3 mesi.

 

E’ sicuramente troppo presto per dare le prime impressioni su questo mezzo. Lo abbiamo da 3 mesi ed abbiamo fatto solo 5.000Km. Qualche giretto da amici ed un week-end lungo in giro (senza acqua e senza gas) quindi direi che possiamo aspettare per descriverne la vivibilità.
Però, perchè c’è sempre un però, questo è da sempre il nostro sogno e finalmente siamo riusciti a realizzarlo senza privarci di qualche organo.
Sicuramente possiamo affermare che in 20 anni la tecnologia ha fatto passi da gigante: il cruise control, l’assistente alle partenze in salita, i vari sistemi di sicurezza attiva, 103Kw, le dimensioni ridotte ed i consumi davvero contenuti (una media di 12,5Km con un litro nei primi 5.000Km di uso misto cittadino/autostradale, questo è il nostro unico mezzo) ne fanno di questo camper una vera auto da viaggio. Ora questa estate lo testeremo per bene e poi non mancheranno le impressioni.
C’è da dire che si è guadagnato tanto in meccanica, ma tanto si è perso in allestimento; intendo dire che gli interni in legno di pino marittimo sagomato del Wingamm non possono neanche lontanamente essere paragonati a questi dove la plastica regna sovrana e quel poco legno che abbiamo visto è un sottile multistrato. Probabilmente la plastica dura di più (il vecchio camper aveva 23 anni, quanto di più deve durare un interno? se anche dura 100 anni forse è pure troppo.) Ma c’è tempo per capire chi vince (il Wingamm dopo 23 anni è ancora nuovo, le foto lo dimostrano)

Il nostro primo mezzo

Marca:Wingamm
Modello:OASI 540
Motore:2.5 TD
Meccanica:Fiat Ducato MAXI 18
Anno:1988
Km percorsi:45000 (Febbraio 2008 – Gennaio 2011)
Colore:Bianco raramente, beige-grigio-fango il piú delle volte

Impressioni.

Questo mezzo per noi è stato una pietra miliare del percorso camperista. Era un po di tempo che ci chiedevamo come sarebbe stato avere un camper. Un bel giro in Italia (3600Km lungo la costa italica) con il camper dei suoceri ci aveva acceso la fiamma della passione ed eravamo in un periodo di cambiamento totale. Avevamo appena avuto un bimbo, avevo cambiato lavoro, avevamo cambiato casa ed avevamo cambiato nazione. Inoltre stavamo cercando una nuova macchina e ci si rendeva conto che il perno su cui ruotavano le nostre decisioni (o meglio le nostre ricerche) era lo spazio. Allora parlando con un nostro amico camperista veniamo a conoscenza di questo mezzo in vendita in Trentino, esattamente 1000Km da dove eravamo. L’incoscenza e la voglia ci spinge a contattare il venditore, organizzare un incontro ed andare a vederlo. Una tormenta di neve ci blocca in Italia e così pensiamo che questo forte segnale non potevamo ignorarlo: lo abbiamo comprato.
Il vecchio proprietario lo trovò in un garage semiabbandonato, cambiò i freni posteriori, sistemò il cambio, lo riverniciò completamente, fece dei lavori interni ed aveva ancora dei lavoretti esterni da fare ma essendo alto 1,90m non era abastanza alto per lui. E come dargli torto?
Noi lo prendemmo ed in 3 anni abbiamo fatto la bellezza di 45.000 Km, senza mai un problema. Mica male per essere alla prima esperienza. Ci siamo girati la Francia del sud con capatine in Spagna e Bruxelles fino a giungere a Monaco dove ci simo trasferiti in seguito ad una nuova offerta di lavoro, un secondo bimbo, una seconda casa.. ed un secondo camper 😀

The following two tabs change content below.

Emanuele Peretti

"Ma i tuoi occhi non si fermano mai!" mi disse un giorno una ragazzina mentre in scooter giravamo per Palma de Maiorca. Quella ragazzina è ora madre di due bimbi ed ancora mi segue. I miei occhi non si sono ancora fermati. Con questo blog vorrei fermare tutti i pensieri che accompagnano i miei viaggi e la mia vita per poterli rileggere quando un giorno sarò obbligato a stare fermo.